Definizione delle priorità di spesa

Stilata la lista delle categorie di spesa, occorre assegnare loro una priorità, distinguendo le spese irrinunciabili, necessarie e superflue. Analizziamo ora ciascuna voce al fine di capire dove è possibile ottimizzare il livello di spesa:   – spese “irrinunciabili”: pagamento delle bollette, le rate del mutuo, le tasse o le spese condominiali. Pensando a questi pagamenti ci possiamo domandare se … Continua a leggere

Predisporre e gestire un budget

Il modo migliore per gestire i problemi relativi ai finanziamenti consiste nel prendere delle buone abitudini prima che i problemi si verifichino. Prima di tutto, è necessario organizzare le proprie finanze e avere un budget. Costruire un proprio budget non è difficile: basta dedicare un po’ di tempo all’organizzazione e alla pianificazione; una volta avviato sarà facile da mantenere. Da … Continua a leggere

Soggetti coinvolti nel credito

Un credito, nelle varie forme elencate nella precedente sezione, può essere erogato da uno dei seguenti soggetti: – tutti gli enti creditizi: banche, casse di risparmio, banche di credito cooperativo; – le società di intermediazione finanziaria, purché in regola con la legge 197/91 sull’Antiriciclaggio di denaro e iscritte nell’albo presso l’Ufficio Italiano dei Cambi; – i negozi di beni e … Continua a leggere

Principale normativa sul credito

L’attività di credito al consumo è regolata da una serie articolata di norme che hanno lo scopo di garantire e tutelare il consumatore. Di seguito sono riportate le principali disposizioni di legge che regolano l’attività di credito al consumo e riguardano direttamente i diritti ed i doveri del consumatore. 1) legge 154/92 “Trasparenza“; 2) legge 142/92 “Credito al consumo“; 3) … Continua a leggere

Le diverse tipologie di credito presenti

Di seguito riportiamo i principali strumenti di credito attualmente presenti sul mercato italiano:   Carta di credito: abilita il titolare ad effettuare acquisti di beni e/o servizi presso esercenti convenzionati senza pagamento in contanti nonché a prelevare contante presso sportelli bancari e sportelli automatici convenzionati (cosiddetti ATM), nei limiti del massimale concesso.   Con l’utilizzo della carta di credito, il … Continua a leggere

Calcolare l’importo del finanziamento che si è in grado di affrontare

Fissare un budget realistico… e rispettarlo! Il primo passo nella scelta intelligente di un finanziamento consiste nel comprendere quale sia l’importo che si è in grado di affrontare. Prima di contrarre un debito è necessario analizzare attentamente e in maniera approfondita la propria posizione finanziaria attuale e futura, considerando anche il proprio “rapporto di indebitamento” e fissando un budget realistico … Continua a leggere

TEGM

E’ il tasso effettivo globale medio in vigore relativo ad una categoria di operazione di finanziamento di cui alla tabella dei tassi effettivi globali medi delle operazioni di finanziamento oggetto della rilevazione trimestrale da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il TEGM, aumentato della metà, è il limite previsto dal terzo comma dell’articolo 644 del codice penale oltre il … Continua a leggere

TEG

E’ un indicatore, espresso in punti percentuale, utile ai fini della verifica del rispetto del tasso soglia di cui all’art.2 della legge n. 108/1996. viene calcolato tenuto conto, oltre che gli interessi, delle commissioni, delle remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse collegate all’erogazione. Per le delegazioni non assimilate alla cessione del quinto i … Continua a leggere

TAN

E’ il tasso di interesse, espresso in percentuale e su base annua, applicato dagli istituti finanziari all’importo lordo del finanziamento. Viene utilizzato per calcolare, a partire dall’ammontare finanziato e dalla durata del prestito, la quota interesse che il debitore dovrà corrispondere al finanziatore e che, sommata alla quota capitale, andrà a determinare la rata di rimborso. Nel computo del TAN … Continua a leggere

TAEG

Indice, espresso in termini percentuali, con due cifre decimali e su base annua, del costo complessivo del finanziamento. Comprende gli oneri accessori quali spese di istruttoria, spese di apertura pratica, spese di incasso delle rate e spese assicurative e oneri erariali (l’inclusione di queste ultime due voci può essere opzionale). Vai al sito CREDITVEL